Guerre

Un amico mi cita una frase che circola in Italia: le persone che non hanno religione non hanno mai fatto guerre di religione. Non può che essere vero, ma questa ovvietà nasconde un’insidia: la si beve e mette in testa l’idea che sono le religioni a creare le guerre. Già, dimenticando nazismo, comunismo e altri non piccoli movimenti della storia che pacifici e concilianti non lo sono stati davvero. Che bello, se ciascuno guardasse alle guerre che fa nascere lui invece di accusare solo gli altri!

4 pensieri su “Guerre

  1. Caro padre Franco,
    “le persone che non hanno religione non hanno mai fatto guerre di religione”?
    Non sono d’accordo. Mi sembra che nella Storia non manchino esempi di regimi, in particolare comunisti, che, considerando l’ateismo come una religione, non hanno esitato ad usare la violenza per cercare di imporlo a tutti, anche su larga scala.
    Non saranno state classificate come “guerre di religione”, ma distruggere la religione (in particolar modo quella cristiana) era sicuramente un obiettivo non secondario di molte guerre, soprattutto negli ultimi due secoli.

  2. Grazie dei commenti, puntuali e che mi trovano d’accordo! La domanda che emerge da quella della volta scorsa me la faccio pure io: quale immagine di Dio ha chi in nome suo uccide, opprime, rapisce bambini per portarli alla propria religione?
    Su quest’ultimo commento voglio soltanto precisare che quanto dici e’ esattamente quanto volevo dire io, anche se in altro modo. Dire che chi non ha religione non fa guerre di religione e’ una inutile ovvieta’, come dire che due inglesi non possono litigare se c’e’ un solo inglese, o che chi non ha un fucile non puo’ uccidere con un fucile… Un’ovvieta’, ma insidiosa, perche’ se la si accoglie senza rifletterci, lascia intendere che dunque le guerre sono opera di chi ha religione, mentre gli atei o o agnostici invece non fanno guerre. Cosi’ infatti intendeva l’amico che me la disse. La mia risposta pero’ lo fece riflettere: chi non ha religione non fa guerre di` religione in senso proprio, ma purtroppo fa altre guerre, e magari anche peggiori! Chi non ha fucile non spara con il fucile… Gia’, ma se uccidesse invece con una bomba? Io citavo comunismo e nazismo proprio perche’ chi seguiva quelle ideologie non era religioso, ma di disastri ne ha fatti, eccome!
    Siamo dunque d’accordo, e non ci resta che fare il possibile perche’ di guerre non ne faccia nessuno, ne’ in nome della religione ne’ con altri pretesti.
    Un saluto carissimo
    p. Franco

  3. Caro padre Franco,
    grazie per la tua risposta, hai proprio ragione, non eri tu che ti eri spiegato male, sono io che non ti avevo letto con sufficiente attenzione.
    Anch’io mi sento sempre molto in sintonia con quello che scrivi, e ti ringrazio che ci dai tutte queste immagini del Bangladesh, che deve essere proprio un paese meraviglioso, nonostante la povertà e tutte le difficoltà nei rapporti umani che tu ci aiuti a conoscere ed a capire.
    Se ti capitasse di andare a trovare le “blue sisters” di padre Gasparino, puoi dire ad Elsa che Mario di Genova la saluta? Non so se si ricorda di me, sono la persona che le aveva dato il libro “Il nascondiglio” di Corrie ten Boom (una lettura meravigliosa, per inciso). Grazie.
    Pace e Bene!
    Mario

  4. Conosco sr Elsa, e le comunico subito il tuo messaggio. Saluti cari.
    p. Franco

I commenti sono chiusi.