Cuore

Abbiamo vissuto giorni tristi in Bangladesh, fra terribili violenze politiche, ondate di fondamentalismo, crollo del palazzo a Savar, presso Dhaka. I morti del Rana Plaza sono stati oltre 1120, più ancora i giovani rimasti feriti e mutilati, cui in alcuni casi è stato tagliato un arto senza anestesia, per estrarli dalle macerie in cui erano bloccati. Ne conoscevamo personalmente alcuni.
Un’amica mi ha scritto da Roma: “Vengo lì spesso con il cuore”. Grazie!