Corteggiati

La cocente e inattesa sconfitta subita dall’Awami League ha varie cause. Probabilmente la corruzione e l’arroganza del partito, ubriacato dalla brillante vittoria ottenuta 5 anni fa, sono le cause principali. Si aggiunga la rabbia di vedere che la sezione giovanile del partito ha spadroneggiato violentemente dal giorno della vittoria fino ad oggi, senza che nessuno tentasse seriamente di frenarli. Da ultima, s’è aggiunta l’astuta propaganda del movimento Hefajat-islam (Difendiamo l’Islam) che ha capillarmente diffuso l’idea che l’Awami League è un covo di atei e nemici dell’islam. Come difendersi? Di eliminare la corruzione manco si parla: altrimenti siamo al potere per che cosa? Rinunciare all’arroganza e cercare qualche compromesso politico è impensabile, sarebbe un segno di debolezza. Mettere le briglie al movimento giovanile? Impresa disperata a questo punto, e a pochi mesi dalle elezioni. Non resta che corteggiare l’islam, e fare a gara con il BNP per dimostrare che anche l’Awami League, partito che era laico, è in realtà devotissimo, religiosissimo, tutto casa e moschea, pronto a finanziare, proteggere, incrementare tutto ciò che porta l’etichetta di islamico.