Detersivo

Una giovane donna, vedova di un terrorista ucciso dalla polizia pochi mesi fa, viveva con altre “militanti”, i loro figli piccoli, un ragazzo di 14 anni al pian terreno di un palazzo nella periferia di Dhaka. Proprio la vigilia di Natale, la polizia ha circondato la casa, intimando la resa. Dopo varie ore, la donna è uscita lentamente, tenendo accanto la bimba di 4 anni; le ordinano di alzare le mani, ma non esegue, accelera il passo verso i poliziotti e fa detonare la bomba che porta legata alla vita. Muore all’istante, la bambina sopravvive, in gravi condizioni. Il ragazzo, dall’interno, incomincia a sparare, e viene ucciso. Altre due donne si arrendono. Se ne parla con sgomento, e tutti si chiedono: com’è possibile? Non manca chi pensa di chiudere il discorso commentando: fanno loro il lavaggio del cervello… Non ne dubito, ma vorrei sapere quale detersivo usano per lavare così in fretta e così efficacemente il cervello di esseri umani.