Interpretazioni

Mi chiedono spesso: che cosa pensare? Mentre i terroristi si rifanno al Corano e agli Hadith per giustificare la violenza, molti musulmani credenti e praticanti dicono che in realtà il Corano non incita alla violenza ma alla pace e ai buoni rapporti con tutti. Come stanno le cose? Persuaso che per controllare il terrorismo non bastino azioni repressive e servizi segreti, il RAB (Rapid Action Battalion) del Bangladesh, un corpo speciale impegnato su questo fronte, dopo aver trovato molto materiale ideologico nei “covi” dei militanti, ha chiesto aiuto ad un gruppo di esperti, e ha lanciato un libro dal titolo: “Interpretazioni sbagliate di versetti del Corano e degli Hadith, e loro spiegazione corretta”. Il libro – in bengalese – esamina 60 versetti. Un esempio. Nella quinta “Sura” (capitolo) del Corano si legge: “Uccidi gli atei dovunque li trovi, dopo che i mesi proibiti sono terminati”. Il versetto – dicono gli esperti – si riferisce ad un preciso evento nella storia delle origini dell’islam: violando un accordo di pace con il Profeta, alcuni “infedeli” attaccarono la comunità di Banu Khuza che gli era alleata, e che chiese il suo aiuto. Maometto diede quattro mesi di tempo per ristabilire la pace: “i mesi proibiti” (di tregua) citati sopra. Dopo di che, guerra aperta contro chi non avrebbe accettato la pace.- Estrapolato dal contesto, che lo riferisce ad un momento, un evento preciso, e a un gruppo di persone specifico, questo ordine di “uccidere gli infedeli dovunque si trovino” diviene un ordine applicabile ovunque e in ogni momento; così fanno i terroristi dell’ISIS e altri.

1 pensiero su “Interpretazioni

I commenti sono chiusi.