Banconote

La festa dell’Id (o Eid) è occasione per tornare al villaggio, dove nipoti, cugini, fratelli e sorelle minori aspettano con impazienza il parente importante, che lavora in città. Non arriva a mani vuote, ovviamente. Regalini vari, e specialmente una mancia proporzionata all’età: 2 taka ai piccolissimi, 5 sopra i 5 anni, 10 per i decenni, 20 per i dodici-tredicenni, e via salendo. Non sono una grande somma, ma se la si offre in banconote nuove fiammanti invece che con le solite banconote sporche e strapazzate… vale di più. Ecco allora la corsa ai cambiavalute festivi, che con previdenza hanno ritirato in banca buoni mucchietti di soldi nuovi. La tariffa è la stessa che praticano i mendicanti, mediamente il 10%, cioè otto taka spicciole in cambio di una banconota intera da 10. Per l’Eid sono 10 taka sporche e logore in cambio di 8 nuove. Se poi si arriva all’ultimissimo momento, non si sfugge alla legge di mercato: solo 7, o 6 taka nuove in cambio di 10 vecchie.